Hai deciso di vendere casa? Nascondi gli oggetti personali a vista.

6 Novembre 2020
0 Comments

Sapevi che il modo per rendere desiderabile la casa che hai intenzione di vendere è privarla di effetti estremamente personali? A dirlo è la scienza. Infatti è dimostrato come nella maggior parte dei casi l’acquirente venga distratto da oggetti estremamente intimi: fotografie, attestati di laurea, quadri. Infatti sembra che chi visita una casa con lo scopo di acquistarla o prenderla in fitto, venga distratto da questi particolari. Quando si vuole mettere in vendita casa è necessario dare risalto agli ambienti, portando all’attenzione del visitatore i pregi che fanno nascere il desiderio di abitarla. Per questo è molto importante che a seguirti ci sia un professionista qualificato nel settore, come la storica Agenzia Merola Immobiliare che non solo ti consiglierà di riordinare l’immobile, ma anche di eliminare, durante la visita, quegli oggetti estremamente personali che contraddistinguono la tua vita e quella dei tuoi familiari. Lo scopo è quello di dare una buona impressione, in modo da raggiungere lo scopo e quindi la stipula del contratto, che sia di vendita o di locazione.

Spersonalizzare lo spazio è la strategia di marketing più efficace per presentare un immobile

Nel settore immobiliare è sempre più noto il termine home staging,ovvero una sorta di messa in scena della casa. In questo modo l’immobile viene esaltato per gli aspetti peculiari che sono gli spazi, la luminosità e la posizione. Più semplicemente, l’appartamento viene trattato come un oggetto in vetrina che determina l’accrescere dell’interesse per facilitare la vendita o la locazione.

Il nostro cervello si focalizza sulle persone

A sostenere questa ipotesi è lo scienziato Colin Ellard dell’Università di Waterloo, che ha condotto studi sull’impatto che il design urbano ha sulla psicologia umana. A quanto pare, il nostro cervello si focalizza sui volti delle persone attirandone l’interesse.

Lo stesso vale per gli oggetti di natura strettamente personale, infatti una foto, o il ricordo di una vacanza creano una sorta di distacco rispetto all’ambiente visitato dal potenziale acquirente.

Al contrario, un ambiente anche se arredato e da ristrutturare, sistemato e tenuto in ordine può aiutare a calarsi nel contesto, a immaginare quali siano gli spazi da migliorare e il modo in cui verranno vissuti, quindi a insinuare il bisogno di rendere quella casa come la propria dimora.

I meccanismi psicologici che si attivano nella mente umana sono molto complessi e decisamente curiosi, per questo affidati al tuo agente e gestisci la vendita o la locazione nel modo più professionale.

Per saperne di più contattaci